San Miniato

Insediamento antico e chiesa medievale demolita

Secondo alcune fonti orali sul colle a sud-ovest dell’attuale paese di Rapale denominato San Miniato (Poggio Castellare) in passato, durante i lavori agricoli i contadini spesso si imbattevano su resti di fabbricati in mattoni e pietre. La presenza di un sito di periodo arcaico nei dintorni dell’attuale cimitero di Rapale potrebbe essere confermata dal ritrovamento in ricognizione di superficie di materiale etrusco e romano.
Nella zona del cimitero, più precisamente vicino all’attuale cappella, ancora nel XIX secolo è attestata la presenza di una chiesa intitolata a San Miniato. Dell’edificio di culto non rimangono tracce, fatta eccezione per un ciborio in pietra murato all’interno dell’attuale cappella. La chiesa di San Miniato è attestata nel pieno medioevo, ma non sappiamo con precisione il periodo di fondazione. Già nella seconda metà del XVI secolo la struttura, dalla lettura della visita pastorale del 1468, si presentava senza ostie, in pessimo stato conservativo e non vi si celebrava più messa, infatti ormai le cerimonie sacre venivano effettuate nella chiesa sita all’interno del castello di Rapale.

Il Museo Virtuale della Valdambra è un progetto del Comune di Bucine e dell'Associazione la Valle dell'Ambra